Lunedì 18 Novembre 2019
Fuggito in auto, ha aggredito i militari. Denunciato e condotto in ospedale


Non si ferma all’alt dei Carabinieri a S. Teresa, inseguito e bloccato a Scaletta

di Redazione | 01/11/2019 | CRONACA

3852 Lettori unici

L'inseguimento è durato 15 km lungo i centri jonici

Un uomo di Acireale è stato denunciato ieri pomeriggio dai carabinieri della Compagnia di Taormina per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali, al culmine di un inseguimento in auto iniziato a S. Teresa e finito a Scaletta. L’uomo, alle 14.20, è stato notato guidare in modo sospetto tra S. Teresa e Furci da una pattuglia del Nucleo Radiomobile che viaggiava alle sue spalle sulla Statale 114 e che aveva deciso di fermarlo per vederci chiaro. Non appena i militari hanno tirato fuori la paletta e azionato i lampeggianti invitandolo ad accostare, però, l’automobilista per tutta risposta ha premuto sull’acceleratore iniziando a fuggire, ignorando anche il suono delle sirene. Ne è scaturito un inseguimento durato 15 km, con i militari dell’Arma alle calcagna di una Opel Corsa. L’automobilista, il 27enne S. P., ha percorso a folle velocità le strade di Furci, Roccalumera, Nizza, Alì Terme, Itala e Scaletta, tra lungomari e Ss 114, fortunatamente senza causare incidenti che avrebbero potuto coinvolgere anche pedoni, fin quando ha arrestato la propria corsa sulla Statale a Scaletta, poco prima della Stazione dei Carabinieri, perché si è visto braccato dai militari che gli si sono parati davanti intimando l’alt. Una volta raggiunto ha aggredito i carabinieri, provocando loro contusioni, prima di essere bloccato e condotto in caserma in evidente stato confusionale, manifestando disturbi mentali. I carabinieri hanno quindi chiesto l’intervento del 118 e intorno alle 17.30 il personale sanitario (medico Carmelo Micalizzi, soccorritori Giuseppe Ansaldo e Piero Giannetto) ha trasferito in ambulanza il 27enne all’ospedale di Taormina, dove è stato sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio. I militari dell’Arma della Compagnia di Taormina, ai comandi del capitano Arcangelo Maiello, lo hanno quindi deferito a piede libero all’autorità giudiziaria.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.