Martedì 19 Novembre 2019
Ignoti hanno agito nella notte. Danneggiata la facciata della canonica


S. Teresa. Incendiati i bidoni dei rifiuti del Santuario Madonna del Carmelo - FOTO

di Redazione | 25/07/2016 | CRONACA

2585 Lettori unici | Commenti 2

Il punto dove sono state appiccate le fiamme

Fiamme la notte scorsa all’esterno del Santuario della Madonna del Carmelo di S. Teresa di Riva. Ignoti hanno appiccato il fuoco ai contenitori della raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti posizionati a lato della canonica, in un vialetto che conduce sul retro dei locali parrocchiali. Nell’incendio sono andati completamente distrutti tutti i bidoncini in plastica e altro materiale in legno riposto a terra: le fiamme hanno avvolto la facciata laterale dell’edificio che ospita gli uffici e la dimora del parroco e il denso fumo sprigionatosi dalla combustione ha annerito e danneggiato il prospetto raggiungendo il primo piano e sfiorando anche la finestra a piano terra. Il parroco, don Fabrizio Subba, ha informato stamane dell’accaduto i carabinieri della locale stazione, che hanno raccolto la sua deposizione formalizzando una denuncia contro ignoti. Padre Fabrizio non dà comunque molta importanza al gesto, in quanto lo considera come una bravata messa in atto da un gruppetto di ragazzi. Anche il comandante dei carabinieri di S. Teresa, il maresciallo Maurizio La Monica, ritiene che non si tratti di un’azione mirata contro il sacerdote, in quanto nel cortile antistante la canonica si trovava parcheggiata la sua autovettura che gli incendiari avrebbero potuto danneggiare qualora l’obiettivo del raid fosse stato il parroco. I militari effettueranno comunque tutte le verifiche del caso considerando che all'esterno dell'edficio sono installate delle telecamere che potrebbero aver ripreso la scena. “Già in passato erano stati lanciati dei petardi nel vialetto e all’interno dei bidoncini della differenziata – aggiunge padre Subba – ma si tratta di gesti a cui non dare peso: sono ben voluto da tutta la comunità e non ci sarebbe motivo di agire contro la mia persona.”



COMMENTI

Pippo Sturiale | il 25/07/2016 alle 15:10:07

Non mi piace il titolo della notizia: si vuole fare lo scoop, ma si svia il lettore. Perché si parla dei contenitori per la raccolta differenziata e non, così come è, di materiale facilmente incendiabile risultante da ristrutturazione edilizia?! E queste tavole perché non erano state sistemate altrove: erano troppo alla portata di Lucifero! In effetti il bidone esposto, plastica e lattine, si è solo leggermente fuso: è altro ad aver preso fuoco ... e non si tratta solo di legno.

Sikily News | il 25/07/2016 alle 16:25:22

Oltre al contenitore giallo in foto, sono andati in fiamme tutti gli altri, tanto che sono rimaste a terra le bottiglie di vetro contenute nell'apposito bidoncino.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.