Sabato 14 Dicembre 2019
Finito in carcere per smercio di droga. La madre ha provato a nascondere le dosi


Spacciava cocaina dai domiciliari, 32enne di Giardini arrestato dai carabinieri

di Redazione | 21/11/2019 | CRONACA

4795 Lettori unici

Cullurà e lo stupefacente sequestrato

Nuovo arresto per il 32enne Cristian Cullurà di Giardini Naxos, già noto alle Forze dell’ordine e attualmente sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Ieri pomeriggio i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Taormina lo hanno arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, accusandolo di smerciare cocaina dalla sua abitazione nonostante fosse sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari e conducendolo questa volta in carcere. Nel corso dei servizi tesi alla prevenzione ed alla repressione dello spaccio di stupefacenti, i militari della locale Stazione avevano notato movimenti sospetti nei pressi dell’abitazione dell’uomo, che in passato era stato sottoposto anche alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. Pertanto, ritenendo che Cullurà potesse essere dedito all’attività di spaccio nonostante i domiciliari, i carabinieri del Nucleo Operativo hanno effettuato dei servizi di osservazione nei pressi della sua abitazione. E ieri hanno notato un giovane, giunto a bordo di uno scooter, entrare nel portone del condominio dove risiede il 32enne, uscendone poco dopo: il giovane è stato sottoposto a controllo e a seguito della perquisizione personale e veicolare effettuata dai militari il ragazzo è stato trovato in possesso di una dose di cocaina del peso di circa 0,3 grammi, confezionata in un involucro di cellophane di colore bianco termosaldato.

Rinvenuto lo stupefacente, i carabinieri hanno proceduto alla perquisizione all’interno del domicilio di Cristian Cullurà, circondando l’abitazione e controllando anche il retro del palazzo. Mentre i militari dell’Arma entravano in casa, il dispositivo di controllo all’esterno notava una donna, la madre dell’arrestato, che usciva velocemente dall’abitazione, dirigendosi nel cortile per occultare un contenitore per alimenti dietro un muretto. I carabinieri hanno recuperato quel contenitore appurando che al suo interno vi era del riso crudo che nascondeva due involucri di cellophane di colore bianco contenenti complessivamente poco meno di 10 grammi di cocaina in polvere ed una dose del peso di circa 0,3 grammi confezionata nello stesso tipo di involucro termosaldato in cellophane di colore bianco che era stato poco prima recuperato addosso al giovane conducente dello scooter. Inoltre, nel corso della perquisizione è stato anche rinvenuto un bilancino di precisione. La sostanza stupefacente ed il bilancino sono stati sequestrati e Cullurà arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di cocaina e, su disposizione della Procura della Repubblica di Messina, condotto nel carcere di Messina “Gazzi” in attesa della direttissima fissata per domani. Per mentreil giovane consumatore, invece, è scattata la segnalazione alla Prefettura di Messina per uso personale di sostanze stupefacenti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.