Venerdì 18 Ottobre 2019
Perquisizioni e sequestri nella abitazioni di giovani accusati di essere pusher


Spaccio di droga, i carabinieri di Taormina arrestano due persone

di Andrea Rifatto | 12/07/2019 | CRONACA

2292 Lettori unici

La droga, il denaro e il materiale sequestrati a Bambara

Due arresti in 12 ore per spaccio di droga da parte dei carabinieri della Compagnia di Taormina, costantemente impegnati nei servizi di controllo e di contrasto allo smercio di stupefacenti. Nella serata di mercoledì è finito in manette il 36enne taorminese Antonio Bambara, bloccato in flagranza con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A destare i sospetti dei militari del Nucleo Operativo Radiomobile erano stati i movimenti notati nel corso degli ultimi giorni intorno all’abitazione dell’uomo, che hanno portato a svolgere una perquisizione domiciliare nel corso della quale i carabinieri hanno trovato 1,3 chilogrammi di  marijuana contenuta in sacchetti di cellophane, 9 grammi di hashish, un bilancino di precisione, materiale vario per il confezionamento delle dosi e la somma di 700 euro ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio. La sostanza stupefacente, il bilancino e il denaro sono stati sequestrati e Bambara è stato arrestato in flagranza e condotto in carcere in attesa dell’udienza di convalida, nella quale il giudice ha convalidato l’arresto e disposto per il 36enne la detenzione domiciliare.

In mattinata a Calatabiano i militari del Norm di Taormina hanno invece arrestato, sempre in flagranza di reato, il 27enne calatabianese Rosario Torrisi, accusato anche lui di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari, che da giorni seguivano i movimenti del giovane, hanno perquisito la sua abitazione trovando 5,36 grammi di cocaina, già suddivisa in dosi, 108 grammi di marjuana una parte della quale già confezionata in 80 dosi e un bilancino di precisione con materiale per il confezionamento, tutto posto sotto sequestro. Torrisi è comparso questa mattina davanti al giudice del Tribunale di Catania, che ha convalidato l’arresto operato dai carabinieri disponendo la misura cautelare dell’obbligo di firma.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.