Sabato 19 Ottobre 2019
Iniziativa di bookcrossing del liceo di S. Teresa di Riva. Primo incontro con la media 'Petri'


Al Classico "Trimarchi" nasce Libri-amo, scambio di testi tra gli studenti

02/12/2014 | CULTURA E SPETTACOLI

2080 Lettori unici

Gli studenti delle due scuole durante lo scambio

La scuola deve aprire mondi, non deve solo impartire saperi; essa dovrebbe animare, smuovere sia l'intelletto che il cuore dei propri studenti, risvegliando il loro desiderio di imparare e di scoprire. Ma non si può imparare se non si ama leggere e cercare nei libri. Da qui l'idea delle docenti Maria Belardi e Sabrina Fara di organizzare nella Biblioteca "Onofrio Zappalá" del Liceo Classico “E. Trimarchi” di S. Teresa di Riva, nell'ambito del  progetto Libri-Amo, le giornate del "bookcrossing", momenti di scambio dei libri tra gli studenti del territorio. I primi interlocutori sono stati gli alunni della scuola media “Lionello Petri”, che, accompagnati dai docenti di lettere, hanno aderito con entusiasmo all'iniziativa. Anche a Santa Teresa approda, quindi, l'idea del bookcrossing, dei libri in viaggio, sperimentato per la prima volta nell'antica Grecia, dal filosofo Teofrasto, discepolo di Aristotele e direttore del Liceo nel 322 a.C., che soleva liberare in mare i suoi scritti racchiusi in una bottiglia, mandandoli incontro al loro destino. Questo fenomeno culturale è stato poi portato alla ribalta nel 2001 a New York dai coniugi americani Hornbaker, per rendere il mondo intero una biblioteca e per far comprendere che poichè ogni libro racchiude in sé l'anima di chi lo scrive e di chi lo legge, le pagine scritte vanno liberate. Gli studenti delle classi 1A e 1B, 2A e 2B, con questa iniziativa, hanno inteso pertanto comunicare che i libri non sono oggetti inanimati, che devono rimanere nelle librerie, ma scrigni che devono essere aperti e devono vivere attraverso la condivisione e la circolazione. Gli studenti e i docenti hanno, però, anche chiesto aiuto alla comunità di appartenenza e a tutti i partecipanti, affinché la luce della cultura non si spenga in un momento difficile qual è quello che stiamo vivendo. La lettura è una passione da riscoprire specialmente nel nostro tempo, che sembra aver dimenticato l'importanza della conoscenza. Secondo le ultime statistiche, infatti, la nostra società del 2014 è piena di adolescenti e adulti analfabeti funzionali, che sanno leggere e scrivere, ma non sanno interpretare un testo e che, a differenza degli analfabeti strumentali, quelli che conoscevano a malapena l’alfabeto, non sono in grado di applicare le loro conoscenze di base nella vita di tutti i giorni. Il che significa che la Scuola deve mobilitarsi, promuovendo sia "il desiderio di sapere come condizione di ogni possibile sapere" e sia sopratutto la conoscenza della Lingua madre, dell'Italiano, che indubbiamente affonda le sue radici nelle Lingue Classiche, che per questo motivo vanno difese e valorizzate.

 

Più informazioni: liceo classico santa teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.