Domenica 22 Settembre 2019
Organizzate diverse attività da docenti e studenti. Ospite il reduce Giovanni Settimo


Giornata della Memoria: storia e ricordi al Classico di S. Teresa di Riva

27/01/2015 | CULTURA E SPETTACOLI

2141 Lettori unici

Gli studenti con il reduce Giovanni Settimo

Il 70esimo anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz e la commemorazione della Giornata della Memoria, istituita dal Governo Italiano nel 2000 con la Legge n.21, è stata celebrata presso il Liceo classico "Caminiti-Trimarchi" di Santa Teresa di Riva con diverse attività, organizzate dagli studenti e dal Dipartimento di Storia. Esecuzioni musicali di colonne sonore famose riguardanti la Shoah, proiezioni di fotografie sul sistema concentrazionario nazi-fascista, sulla soluzione finale, il piano di annientamento degli Ebrei, perseguito da Hitler a partire dal 1942 e lvisione di film recenti sull'Olocausto e sugli oppositori dei totalitarismi del Novecento. Il 27 gennaio è una ricorrenza importante non solo perchè non si deve dimenticare lo sterminio del popolo ebraico, ma perchè bisogna ricordare anche tutti coloro, militari italiani e siciliani compresi, gli IMI, che, dopo l'8 settembre 1943, si sono rifiutati di combattere a fianco dei Tedeschi e dei seguaci della Repubblica di Salò, per non sparare sui connazionali e per difendere l'onore della patria italiana e che per questo sono stati internati nei campi di lavoro e di sterminio nazisti. Ecco perchè è stato invitato a parlare agli studenti, Giovanni Settimo, classe 1924, partito diciottenne da Misserio per arruolarsi prima nella Milizia fascista e poi nell'Esercito Italiano, nel 5° Reggimento Artiglieria di Venaria Reale nei pressi di Torino. Catturato durante un rastrellamento venne imprigionato e portato a Innsbruck e quindi a Dachau, in Germania, dove rimane fino alla liberazione. “Sono stati anni difficili - ha ricordato commosso Giovanni Settimo - durante i quali si doveva tacere ed obbedire per salvarsi la vita, anni di dolore, di fame e di stenti, un periodo che, però, non voglio dimenticare, per ricordare a me stesso e a tutti voi, quanto prezioso sia il valore della libertà e dell'onestà”.

Più informazioni: liceo classico santa teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.