Lunedì 16 Settembre 2019
Concorso di narrativa indetto dall'Università delle Tre Età di S. Teresa di Riva


Il Premio "Cavarra" a Palmarini (Adulti) e Di Maura (Giovani)

di Gianluca Santisi | 22/07/2014 | CULTURA E SPETTACOLI

4100 Lettori unici

É Davide Palmarini, di Sesto Calende (Varese), il vincitore nella sezione «Adulti» del concorso nazionale di narrativa «Giuseppe Cavarra», organizzato dall'«Università delle Tre Età» di Santa Teresa di Riva e intitolato allo scrittore-poeta e critico letterario di Limina, deceduto nel 2012, che si è occupato a lungo, anche attraverso numerose pubblicazioni, del nostro dialetto e in particolare di quello limminoto, come amava definirlo rispettando l’accento locale. A sancire i vincitori è stata la giuria composta da Cosimo Cucinotta (presidente), Anna Maria Crisafulli, Carmelina Ferraro, Francesco Campailla e Carmelo Duro (quest'ultimo anche nella qualità di presidente dell'Unitre), che in apertura di serata ha ricordato la figura del prof. Cavarra. La cerimonia di premiazione si è svolta nel giardino del Palazzo della Cultura di S. Teresa. Il premio consisteva in una pittura ad olio donata dal maestro Antonello Bonanno Conti di Messina e ispirata alla traccia indicata dal concorso: «Ed è subito sera» di Salvatore Quasimodo. Al secondo posto si è classificata Mara Di Maura, di Catania, alla quale è stata consegnata una tela realizzata dall'artista Antonio Briguglio di Nizza di Sicilia. Terzo posto ex aequo per Antonio Sansone, 92enne di Viareggio (Lucca) e Nino Calabrò di S. Teresa. I premi consistevano rispettivamente in un acquerello del maestro Pippo Foti di Giardini Naxos e in una pittura ad olio dell'artista messinese Pietro De Salvo.
Nella sezione «Giovani» è risultato vincitore Ruggero Antonio Di Maura, studente universitario di Catania; al secondo posto si è classificata Viviana Abbate di S. Teresa e al terzo posto Tindaro Trimarchi, sempre di S. Teresa, vincitore dell'edizione dello scorso anno. Tutti e tre hanno ricevuto una composizione con una penna-piuma, un calamaio e un tampone. Un «Premio speciale allo sgrammaticato», come passione per la scrittura e la conoscenza, è stato assegnato dalla Giuria ad Antonino Carmelo Rizzo. Brani dei componimenti vincitori sono stati letti da Donatella Molino, mentre la serata è stata condotta da Deborah Chillemi. Ad allietare la manifestazione un gruppo dell'Orchestra Giovanile del Corso strumentale degli Istituti Comprensivo e Superiore di S. Teresa di Riva e la magnifica voce del soprano Maria Bellomo, diretti dall'insegnante Nuccia Scarcella.

Più informazioni: premio narrativa unitre  giuseppe cavarra  unitre santa teresa di riva  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.