Domenica 22 Settembre 2019
Dal 24 luglio al 25 agosto sei spettacoli di alto profilo in piazza Corrado Cagli


"Palcoscenico Sicilia", la magia del teatro a Letojanni

22/07/2016 | CULTURA E SPETTACOLI

2389 Lettori unici

Guarneri, Insegno e Musumeci

Sei spettacoli di puro divertimento. Quattro commedie di cinque maestri dell’arte drammaturgica mondiale, un “one man show” che riporterà il pubblico in un passato recente. E un musical che farà rinascere un mito come il compositore statunitense George Gershwin. Questo il programma della terza edizione di “Palcoscenico Sicilia”, rassegna teatrale estiva, organizzata dall’Associazione culturale Abc con la compartecipazione del Comune di Letojanni, che prenderà il via domenica 24 luglio, in piazza Corrado Cagli. Un cartellone, quello inserito in “LetoEstate 2016”, che condurrà lo spettatore in un universo fatto di risate ed allo stesso tempo di riflessione, grazie alla bravura del versatile e sicilianissimo Enrico Guarneri, all’intramontabile Tuccio Musumeci, ad un ‘rinnovato’ Pino Insegno, alla verve di Rosario Marco Amato ed alle coreografie di Raimondo Todaro e Francesca Tocca.
Il calendario di spettacoli verrà inaugurato proprio il 24 luglio con Enrico Guarneri e Patrizia Pellegrino, protagonisti di un novello “L’Avaro” da Molière, riscritto e riadattato dal regista Antonello Capodici. Una pièce che vedrà l’istrionico attore catanese affrontare, rileggere, rielaborare e reinventare, con una partitura sulla quale s’innesteranno infinite variazioni, un personaggio, Arpagone, povero, vecchio e solo, perso dietro ad una nevrosi che, a tratti, persino dimentica. Una rivisitazione di uno dei più rappresentati capolavori del secondo Seicento che porterà il pubblico in un lungo viaggio esplorativo nella psicanalisi contemporanea ed in una felice vacanza nella terra della Commedia dell’Arte.
Si continuerà, poi, il 7 agosto con “C’era una volta…Signore e signori buonasera” che vedrà come protagonista indiscusso Pino Insegno assieme ai Baraonna. Attraverso le emozioni di un passato straordinario, la storia riavvolgerà il nastro e farà ritornare il pubblico negli anni ’60, ’70 e ’80. Un’esperienza dentro il tubo catodico tra i miti, le canzoni, gli sceneggiati ed il miglior cinema italiano che sarà ripercorsa in un allestimento creato e diretto interamente dal regista Alessandro Prete, con la partecipazione in scena di Valentina Varone, Vito Caporale, Daphne Nisi ed Eleonora Tosto.
Il 9 agosto sarà, poi, la volta di Tuccio Musumeci che proporrà la ‘sua’ “Annata ricca, massaru cuntentu!”, commedia piena di arguzia contadina, scritta da Nino Martoglio e rielaborata da Giuseppe Romani, che ne cura la regia. Un’opera che illustra una giornata di lavoro nella vigna di un ricco possidente terriero, con il profumo dell’uva e del mosto, il sole settembrino e la voglia di divertirsi e di innamorarsi a fare da cornice. Sullo sfondo ci saranno lavoratori e padroni intenti a cercare risate e compagnia soprattutto notturna, con un intreccio di storie di amanti leciti e illeciti.
“Palcoscenico Sicilia” proporrà due giorni dopo (l’11 agosto) “Liolà” di Luigi Pirandello, in un riadattamento del regista Antonello Capodici, che vedrà l’attore Rosario Marco Amato rappresentare l'uomo della vita pagana, pieno di robustezza morale e fisica; un’opera che la critica dell’epoca non comprese fino in fondo anche per via di un linguaggio interamente dialettale. Una commedia che se non fu un fiasco poco ci mancò e che Pirandello ritirò, scrivendone una versione più edulcorata in italiano, dimenticata per decenni prima di divenire uno dei classici più rappresentati nei teatri di tutt’Europa.
Una messa in scena cui seguirà, il 20 agosto, “Quaranta… ma non li dimostra!”, capolavoro di Peppino e Titina De Filippo, ripresentato da Antonello Capodici, che vedrà sul palco ancora una volta Enrico Guarneri. La storia, rappresentata per la prima volta negli anni ‘30, mostra ancora oggi elementi di estrema attualità. La carrellata di personaggi maschili e femminili mette in evidenza caricature più o meno delineate di una società che, seppur diversa nei costumi e negli stili di vita, si ripropone in quelli che sono i tratti tipici del suo Dna. Sfilano sul palco con passo deciso la zitella alla disperata caccia di un fidanzato, lo ‘scapolone d’oro’, la bella senz’anima, il figlio di papà, la svampita dai vestiti firmati e l’adolescente in piena crisi ormonale.
Per concludere, il 25 agosto, sul palco di piazza Corrado Cagli, riflettori accesi su “Il Grande Gershwin”, spettacolo liberamente ispirato alla vita del compositore statunitense. Un intrigante racconto che lega le maggiori opere dell’autore degli indimenticabili successi targati anni ’20 e ’30: “Un Americano a Parigi”, “Rapsody in Blue”, “Summertime”. Una nuova commedia musicale scritta da Salvatore Giordano, che vedrà protagonisti, nel ruolo di Fred Astaire e Ginger Rogers, i ballerini Raimondo Todaro e Francesca Tocca, reduci rispettivamente dai grandi successi di “Ballando con le Stelle” su Rai Uno ed “Amici” su Canale 5.
Per informazioni sui biglietti si può contattare l’Ufficio informazioni turistiche del Comune di Letojanni (0942.657326).

Più informazioni: tuccio musumeci  enrico guarneri  pino insegno  raimondo todaro  palcoscenico sicilia 2016  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.