Giovedì 22 Agosto 2019
Oggi al Polifunzionale la presentazione del romanzo “Questa sera è già domani”


Scaletta, incontro con la scrittrice Lia Levi e la persecuzione degli ebrei

07/03/2019 | CULTURA E SPETTACOLI

266 Lettori unici

Lia Levi

La scrittrice Lia Levi sarà oggi a Scaletta Zanclea per presentare il suo romanzo “Questa sera è già domani”, che parla della persecuzione degli ebrei durante la Seconda Guerra mondiale. L’autrice sarà ospite al Centro Polifunzionale di piazza Don Bosco, alle ore 17, e dialogherà la professoressa Virginia Di Bella dell’Istituto comprensivo di Ali Terme. Interverranno il sindaco di Scaletta Gianfranco Moschella, l’assessore alla Pubblica Istruzione Annalisa Cordaro e la dirigente dell’Istituto comprensivo Rosita Alberti. Lia Levi, nata a Pisa nel 1931 da famiglia piemontese di origini ebraiche, presenterà il suo romanzo vincitore del Premio Strega Giovani 2018 e finalista del Premio Strega 2019. La scrittrice ha vissuto da bambina le persecuzioni razziali e la deportazione nei campi di concentramento e il libro è ispirato alla storia del marito, nato a Genova nel 1927 da famiglia ebrea. È l’appassionante racconto di un’infanzia sotto il fascismo. Alessandro, il protagonista, è un figlio unico dall’intelligenza precoce. Suo padre Marc, belga di nascita con passaporto inglese, taglia i diamanti. Più volte nel corso del racconto la famiglia (anche quella allargata comprendente nonni, zii, cugini di primo e secondo grado) dibatte se sia il caso di andare via dall’Italia a causa della persecuzione antiebraica. La madre si oppone strenuamente alla partenza, convinta che le leggi razziali verranno superate e la situazione si normalizzerà. Marc subisce prima un decreto di espulsione perché straniero, poi è costretto a lavorare in nero e alla fine viene mandato al confino. Il romanzo si chiude con una rischiosissima fuga in cui gioca un ruolo di primo piano il ciondolo con la stella a cinque punte che Alessandro ha ereditato dalla nonna. Scritto per adulti, il libro è adattissimo anche ai ragazzi per il tono diretto, l’accuratezza della ricostruzione, la suspense.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.