Mercoledì 18 Settembre 2019
Studenti dell'Università di Messina in alcuni centri della vallata. A maggio nuovo 'tour'


Valle d'Agrò: arte, storia, tradizioni tutte da scoprire

31/03/2014 | CULTURA E SPETTACOLI

1886 Lettori unici

Il gruppo che ha visitato Savoca e Casalvecchio Siculo

La bellezza della Valle d’Agrò è stata oggetto di studio e di attenzione da parte degli allievi del master universitario di primo livello ed in apprendistato "Esperto in management delle strutture alberghiere, agenzie di viaggio e tour operator" dell'Università di Messina, diretto dal prof. Filippo Grasso. Gli allievi erano accompagnati dai docenti Simone Paratore e Rachele Gerace. Dalla visita-studio di Savoca e Casalvecchio Siculo sono emerse le forti peculiarità dei singoli luoghi, forti di fascino ma anche di estrema debolezza. I giovani allievi, altresì, hanno evidenziato il potenziale turistico e di attrazione insito nei beni storici, architettonici e naturalistici. L’incontro con il nuovo titolare del bar Vitelli ha messo in luce una nuovo innesto imprenditoriale che sta per nascere a Savoca, valido ed adeguato esempio di imprenditorialità turistica locale. Borgo S. Rocco è invece un esempio della moderna concezione di  “alloggio turistico orizzontale” (albergo diffuso) che recupera e preserva i luoghi nel suo status più autentico. Ed, ancora, l’atelier “Museo Arte Acciaio” del maestro Nino Ucchino, le cui opere rappresentano la nobile visione del pensiero umano nella storia del mondo. Santino Lombardo con il suo genuino “sapere” ha trasmesso una immagine di un tempo che fu: storia, costumi e usanze che hanno incuriosito i giovani esperti. Tappa poi a Casalvecchio, presso la chiesa di S. Onofrio e il suo museo parrocchiale, mentre all’Abbazia dei SS. Pietro e Paolo di Agrò, il gioiello della vallata, attendeva il gruppo il dott. Diego Cavallaro della Soprintendenza ai Beni culturali e Ambientali di Messina. Arte, storia, usanze, imprenditorialità, ricettività, infrastrutture e marketing sono stati gli elementi analizzati dagli studenti sul campo, dove la teoria prende forma e sfocia nella pragmaticità operativa che questi giovani manager devono imparare a possedere. La giornata di studio è stata resa possibile grazie al Consorzio Val d’Agrò, diretto da Antonia Puzzolo, all'Archeoclub Area Ionica, presieduto da Mimmo Costa, ai Comuni di Savoca, Casalvecchio e alla Soprintendenza di Messina. A maggio è previsto un secondo itinerario di studio negli altri comuni della vallata.   

Più informazioni: archeoclub area jonica  valle d'agrò  consorzio promozione turistica  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.