Martedì 18 Giugno 2019
Gli amministratori hanno indicato come spendere le somme per la collettività


Alì Terme, sindaco, assessori e presidente del Consiglio rinunciano alle indennità

di Redazione | 21/05/2019 | POLITICA

496 Lettori unici

Il sindaco con il presidente e due assessori

Rimarranno nella casse del Comune le indennità di carica del 2019 di sindaco, vicesindaco, assessori e presidente del Consiglio comunale di Alì Terme. La Giunta della cittadina termale ha infatti preso atto della rinuncia presentata nei mesi scorsi dagli amministratori e con lo stesso provvedimento ha approvato un atto di indirizzo in merito alla destinazione delle somme risparmiate. I primi a rinunciare alle indennità erano stati a settembre dello scorso anno  il sindaco Carlo Giaquinta, gli assessori Agata Di Blasi e Nancy Todaro e il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Triolo. A gennaio, invece, è stata formalizzata anche la rinuncia del vicesindaco Nino Melato. Le economie derivanti dalla rinuncia alle indennità per il 2019 sono state quantificate, al lordo, in una somma pari a 23mila 343 euro. La Giunta ha stabilito di destinare tale somma secondo il seguente prospetto: 8mila euro per manifestazioni ed eventi culturali, sportivi e ricreativi; 3mila euro per spese di rappresentanza; 6mila euro per la realizzazione di una sala multimediale; 2mila euro per scambi culturali; 4mila 343 euro per sostegno ad enti e associazioni. L’indennità mensile spettante al sindaco ammonta a mille 302 euro, compresa la riduzione del 10% stabilita dalla legge 266/2005. Quella del vicesindaco a 260 euro, mentre gli assessori del Comune di Alì Terme percepirebbero 205,11 euro al mese, la stessa somma che spetterebbe al presidente del Consiglio comunale.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.