Domenica 25 Agosto 2019
Altri tre siciliani potrebbero andare a Bruxelles al posto dei leader dei partiti


Europee, ecco i deputati eletti in Sicilia e chi dovrebbe subentrare

di Redazione | 27/05/2019 | POLITICA

1641 Lettori unici

Giarrusso, Corrado, Salvini, Tardino, Bartolo, Chinnici, Berlusconi, Meloni

Sono otto gli europarlamentari eletti nella Circoscrizione Isole, che comprende Sicilia e Sardegna. Il quadro ormai è chiaro e definitivo con il M5S in testa con il 29,77% (610.040 voti), seguito dalla Lega al 22,46% (460.194), Partito Democratico con il 18,52% (379.511), Forza Italia che ottiene il 14,71% (303.343) e Fratelli d'Italia al 7,24% (148.307). Il sistema elettorale che vede le due isole maggiori insieme in un’unica circoscrizione penalizza la Sardegna che ha un terzo degli abitanti della Sicilia e che probabilmente non avrà nemmeno un rappresentante in Europa.

Il risultato finale fa scattare due seggi per i Cinquestelle, che vanno all'ex Iena catanese Dino Giarrusso (108.146) e a Ignazio Corrao, romano di nascita ma palermitano di adozione, che riconferma il suo ruolo a Bruxelles (107.639). Resta fuori la candidata sarda Alessandra Todde, che pur essendo capolista, è giunta terza con 88.209 voti. Ultimo della lista il santateresino Antonio Brunetto, che ottiene 17.765 preferenze, di cui 6.247 in provincia di Messina e 306 a S. Teresa di Riva. La Lega incassa due seggi: il capolista e vicepremier Matteo Salvini è quello che ha ricevuto i maggiori consensi (181.097 soltanto in Sicilia, 239.078 nella circoscrizione delle due Isole), ma è sin troppo scontato pensare che opterà per un altro collegio conquistato al Nord. Un posto il suo che sarà lasciato alla avvocatessa licatese Annalisa Tardino (32.767), mentre il secondo andrà ad un'altra giovane avvocatessa, la palermitana Francesca Donato (28.067 nelle Isole). La Tardino è la vera sorpresa della Lega in Sicilia in queste Europee. Seconda solo al Capitano Matteo Salvini, l’avvocatessa di Licata, che si era candidata come sindaco alle scorse amministrative, questa volta ha conquistato i siciliani, facendo meglio di alcuni volti noti del Carroccio come Angelo Attaguile e Igor Gelarda e assicurandosi un posto al parlamento europeo. Per Forza Italia scatta soltanto un seggio che andrebbe al leader del partito Silvio Berlusconi (74.871 voti, 90.299 nella circoscrizione isole) a cui anche in questo caso subentrerà un altro candidato, il deputato all'Ars Giuseppe Milazzo. Terzo Saverio Romano con 73.109 preferenze totali e a seguire la messinese Dafne Musolino, che ottene 47.158 voti, di cui 45.472 in Sicilia e 23.385 in provincia di Messina, dove è stata la più votata della lista. Nel Pd i due seggi assegnati andranno al medico di Lampedusa Pietro Bartolo (115.640, 135.098 nelle due Isole), seguito a ruota dall'europarlamentare uscente Caterina Chinnici (94.749; 112.526 nell’intera circoscrizione). Non ce la fa invece l'altra uscente, la catanese Michela Giuffrida che ha ottenuto 49.266 voti. In Fratelli d'Italia l'unico seggio conquistato incorona la capolista Giorgia Meloni che in Sicilia ha preso 54.901, ma anche lei dovrebbe optare per l'elezione in un'altra circoscrizione e lasciare via libera a senatore ed ex sindaco di Catania Raffaele Stancanelli, arrivato secondo dietro la leader di Fdi con 30.299 voti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.