Sabato 24 Agosto 2019
L'ex ministro e leader Udc ricorda al coordinatore del Carroccio i suoi trascorsi


Lega e vecchia politica, D'Alia spegne Francilia: "Non parlare del passato, non ti aiuta"

di Andrea Rifatto | 12/08/2019 | POLITICA

2238 Lettori unici | Commenti 4

Gianpiero D'Alia e Matteo Francilia

Lanciatissimo verso una probabile candidatura con la Lega alle prossime elezioni Politiche, il coordinatore provinciale del partito e sindaco di Furci Siculo, Matteo Francilia, è ormai nella cerchia dei fedelissimi del leader Matteo Salvini. E deve far fronte alle tantissime critiche e ai numerosi attacchi sui propri profili social per aver sposato le idee leghiste e il progetto di chi fino all’altro ieri definiva gli abitanti del Sud terroni. E non è semplice mantenere sempre l’aplomb, tanto che Francilia si lascia andare anche a risposte come “ma non avete altro da fare di sabato pomeriggio? Aprite l’aria condizionata e rilassatevi, ci sono altre cose da fare oltre che pensare a me e Matteo Salvini”. E c’è chi gli ricorda i suoi trascorsi politici. Il sindaco di Furci venerdì pomeriggio ha condiviso sul proprio profilo Facebook la locandina del tour estivo di Matteo Salvini, scatenando una raffica di commenti polemici. In una risposta il coordinatore provinciale ha replicato accusando la vecchia politica, “coloro che abbiamo eletto immeritatamente”, per l’arretratezza in cui si trova ancora oggi la Sicilia. E subito dopo a ricordargli i suoi trascorsi proprio nella vecchia politica è stato Gianpiero D’Alia, ex leader dell’Udc e già ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione durante il governo Letta, tra il 2013 e il 2014.

“Scusa Matteo se disturbo e se ti distraggo da un’intenso momento politico – esordisce D’Alia – sai che ti ho sempre voluto bene e, quindi, la mia opinione può solo essere viziata dall’affetto che ho sempre nutrito per te. Ti auguro una grande fortuna politica e, sopratutto, che tu possa essere scelto e candidato da Salvini alle prossime elezioni politiche. Te lo meriti e sarebbe coerente con ciò che passa il convento in sicilia da tempo. Solo un consiglio: non parlare del passato come hai fatto in questo commento. Non ti aiuta. Sei stato candidato alla Camera con l’UDC nel 2013 nella coalizione Monti. Sei stato candidato alle regionali con Alternativa Popolare e col Centrosinistra. Sei stato segretario provinciale dell’UDC e dirigente regionale e nazionale di quel partito (il nostro ex partito) – ricorda a Francilia – un partito che ha rotto con il cdx nel 2006/2008 per la Lega (oltre che per le scelte sbagliate di Berlusconi). Hai vissuto insieme a noi quella stagione di battaglie politiche e di scontri con la Lega. Se, come spero, sarai candidato alle prossime politiche con la Lega trova una strategia comunicativa (e di sostanza) diversa. Si può cambiare opinione si può e si deve fare sempre autocritica – conclude l’ex leader dell’Udc - attenzione al ridicolo, al conformismo e al trasformismo. I cittadini hanno memoria di elefante. Auguri di cuore”. Commento al quale Matteo Francilia non ha risposto.


COMMENTI

GG | il 12/08/2019 alle 16:50:31

Risponderei così all’on. D’Alia. Tu che come altri ex insieme a Briguglio ed altri che non sapete riconoscere il talento di un giovane, non solo anagraficamente, che ha una chiara visione politica solo perché avete avuto paura che quel giovane potesse mettervi in secondo piano. Avete mandato all’aria una generazione di uomini che avrebbero potuto dare tanto solo perché dovevate essere solo voi i capi. Ora che Francilia può farcela vi mettete a fare i “benpensanti “ ma fatemi il piacere

fahrenheit | il 13/08/2019 alle 00:07:29

voglio rispondere al commento del Sig. GG ....Ma quale talento ma quale visione politica??? In questo caso si tratta di becero opportunismo politico ovvero della rinuncia ai propri principi o ideali (ammesso che ne avesse !!!) per scendere in maniera spregiudicata e per proprio tornaconto a compromessi al fine di trarre il massimo vantaggio dalle condizioni e dalle opportunità del momento

Giuseppe la torre | il 13/08/2019 alle 08:34:37

Scusate grandi critici e pensatori del web, nel premettere che conosco, praticamente da sempre Matteo Francilia, e come dice l’ex Ministro, nonché amico Giampiero D’Alia lo abbiamo tutti noi visto crescere politicamente e socialmente. Premesso, inoltre, che sono convinto che sia un giovane valido e che si batterebbe per il nostro comprensorio Jonico. Tuttavia la scelta di scendere in campo con Salvini, a mio modesto parere, non fa altro che esporlo a critiche, peraltro condivisibili, perché l’altro Matteo ovvero Salvini si è bevuto il cervello e si è convinto di essere il deus ex machina della politica, ma purtroppo, non ricorda o preferisce dimenticare quello che ha detto sul sud e sulla Sicilia. Quindi, concordo con D’alia, nel dire che tutti ci auguriamo che il nostro Matteo Francilia continui a fare politica ma che lo stesso prenda le distanze da “Don Matteo de la lega”.

fausto parra | il 14/08/2019 alle 15:02:39

bella questa, parla l'on. D'Alia, quello nella cui casa è cresciuto un popò di politico come a De Luca...che il D'Alia conosce bene...a buon intenditor poche parole caro onorevole

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.