Mercoledì 19 Dicembre 2018
Mozione della minoranza che chiede chiarezza dopo alcune dichiarazioni


Nizza, "contraddizioni sui debiti, il sindaco mandi via l'assessore Forlese"

di Redazione | 03/12/2018 | POLITICA

245 Lettori unici

L'assessore Giancarlo Forlese

Fare chiarezza in ordine alla situazione debitoria del Comune e revocare la nomina di assessore a Giancarlo Forlese. È quanto ha chiesto questa mattina il gruppo consiliare di minoranza “RinnoviAmo Nizza” con una mozione rivolta ai consiglieri comunali e inviata al presidente del Consiglio, al sindaco e al dirigente dell’Area Amministrativa, nella quale viene sostenuto come all’interno della maggioranza vi sia una divergenza di vedute sullo stato delle finanze comunali. I consiglieri di opposizione Giovanni Vega, Carlo Gregorio e Nella Foscolo spiegano che “più volte abbiamo manifestato, con dovizia di documentazione, lo stato disastroso delle condizioni economiche del Comune di Nizza di Sicilia”, evidenziando che “la Corte dei Conti-Sezione Sicilia ha dichiarato l’Ente strutturalmente deficitario mentre il sindaco uscente Giuseppe Di Tommaso, dichiarava di lasciare un paese in buone condizioni e con i conti a posto; il sindaco pro tempore Pietro Briguglio ha parlato di scorrettezza ed allarmismi del gruppo ‘RinnoviAmo Nizza’, che i debiti erano importanti, ma che la situazione non era così grave come definita dall’opposizione e il capogruppo di maggioranza in Consiglio ha urlato che non ci sono debiti”. I tre esponenti di minoranza citano poi una recente intervista televisiva dell’assessore Forlese, “durante la quale, tra l’altro, lo stesso ha dichiarato che ‘la nuova Amministrazione Comunale ha trovato una situazione economica non semplice da gestire, a causa dei tanti debiti, ma non si aspettava la consistenza attuale del debito; l’Amministrazione comunale ha scelto di non dichiarare il dissesto, ha risolto parecchi problemi attingendo anche a risorse personali, appena insediati è arrivato un decreto ingiuntivo esecutivo per un debito di energia elettrica non pagata di 800mila euro, che grazie ad un amico si è potuto procedere ad una transazione e che si sta pagando con uno sconto di circa 200mila euro”.

Intervista che RinnoviAmo Nizza giudica “molto grave perché Forlese, con la sua ferma dichiarazione, conferma quanto il gruppo di opposizione ha da sempre sostenuto, e cioè che la situazione debitoria ereditata è pesante e di difficoltosa risoluzione”. Vega, Carlo e Foscolo, “vista la posizione divergente del sindaco e del capogruppo di maggioranza, chiedono quindi di essere “edotti sulle diverse valutazioni, in ordine alla situazione debitoria dell’Ente, di un autorevole assessore rispetto al aindaco e al capogruppo di maggioranza” e “che il sindaco revochi la delega assessoriale a Giancarlo Forlese, in netto contrasto con la posizione dell’Amministrazione comunale”. Al presidente del Consiglio è stato chiesto che la mozione venga inserita all’ordine del giorno della prossima seduta per essere votata dai consiglieri.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.