Sabato 19 Ottobre 2019
Insediamento dei consiglieri e giuramento del sindaco. Si lavora per la piena unità


Roccafiorita, Consiglio tra buone intenzioni e riserve: Orlando riconfermato presidente

di Filippo Brianni | 23/06/2018 | POLITICA

1724 Lettori unici

Consiglieri comunali, sindaco e assessori

Fabio Orlando, 34 anni, è stato confermato alla presidenza del Consiglio comunale di Roccafiorita. Martina Saglimbeni, 22, è la sua vicepresidente. Sostanzialmente completo l’organigramma deciso dell’Amministrazione eletta il 10 giugno. La riunione di insediamento di ieri pomeriggio, guidata dalla più votata Maria Concetta Cacopardo, si è svolta in un pullulare di buone intenzioni e di richiami alla pace reciproca. Nei numeri, però, è emerso come l’accordo sul candidato unico abbia ancora qualche riserva. Il nuovo Consiglio è formato da dieci consiglieri, sette del gruppo “Giovani uniti per Roccafiorita” (Fabio Orlando, Emanuele Occhino, Martina Saglimbeni, Stefano Chillemi, Maria Concetta Cacopardo, Antonino Orlando e Rosaria Restifo) e tre di “Insieme per Roccafiorita” (Emilia Mazzullo, Federico Coglitore e Serena Dusa). Il consigliere Nino Orlando non si è però presentato in aula e i due presidenti eletti non hanno raggiunto l’unanimità piena. A Fabio Orlando è mancato un voto, andato in scheda bianca, due invece le “bianche” per la Saglimbeni. “Poco importa – hanno detto in coro i due – lavoreremo anche per convincere chi ha ritenuto liberamente di non darci il suo voto”. Piccoli segnali, insomma, che non hanno scalfito il clima di entusiasmo generale, iniziato dall’investitura in favore di Orlando e Saglimbeni proprio da parte della vicepresidente del consiglio uscente, Rosaria Restifo. Indicati anche i capigruppo (Maria Cacopardo da una parte; Emilia Mazzullo dall’altra), anche se si tratta di un’indicazione formale, visto che il “patto di San Filippo” esclude gruppi contrapposti.

Terminate le formalità di insediamento, ha prestato giuramento il sindaco Concetto Orlando, il quale ha poi parafrasato un importante “pezzo” di letteratura per ricordare come “a Roccafiorita si pensa ai molti piuttosto che ai pochi” – che, viste le dimensioni del paese, sempre pochini sono… -  e richiamandosi ai concetti di accoglienza e lavoro quotidiano che dovranno ispirare l’amministrazione. Presentato anche l’esecutivo nominato martedì scorso: vicesindaco Santino Manuli, assessori Serena Dusa e Biagio Orlando. La Dusa è l’unica “pescata” dal Consiglio comunale e manterrà entrambi gli incarichi. Numerosi l’interventi dall’aula ed in particolare Emilia Mazzullo, che aveva fatto da “sparring partner” candidandosi formalmente contro Orlando, ha sottolineato che “la vera vittoria, di tutti, è stata trovare l’accordo tra i due gruppi che si erano formati ed evitare spaccature in paese. Ora i due gruppi devono diventare uno solo e ci vuole l’aiuto di tutti”. Domenica arriva la prima uscita pubblica in paese del sindaco, l’Ottava di S. Filippo, che avrà luogo a Calvario e Croce alle 17,30. Proprio quel San Filippo a ridosso delle cui celebrazioni, a maggio, venne improvvisamente trovato l’accordo tra Orlando e Manuli che prodotto questa amministrazione. Il sacerdote orientale esorcista ha scacciato il germe della divisione, ora serviranno le sue doti taumaturgiche per curare i problemi del più piccolo comune siciliano.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.