Lunedì 18 Febbraio 2019
Reiterato l'invito a chiarire alcuni aspetti e a coinvolgere di più la cittadinanza


Roccalumera, "Ancora dubbi sulla differenziata": la minoranza chiede risposte

20/01/2019 | POLITICA

351 Lettori unici

Il gruppo consiliare di minoranza

Né soluzioni né tanto meno chiarimenti alla maggior parte dei quesiti e delle problematiche rappresentati in merito ai disagi registrati dall’avvio della raccolta differenziata a Roccalumera. E così il gruppo di minoranza, che già a settembre aveva presentato una richiesta di delucidazioni, è tornato alla carica scrivendo nuovamente al sindaco, all’assessore all’Igiene, al segretario comunale e ai responsabili dell’Area Finanziaria e dell’Area Tecnica, oltre per conoscenza al presidente del Consiglio comunale e al capogruppo di maggioranza, per avere chiarimenti. I consiglieri Rita Corrini, Tiziana Maggio, Ivan Cremente e Antonio Scarci chiedono innanzitutto “le motivazioni che hanno impedito l’avvio di alcuni servizi previsti nel contratto e/o aggiuntivi come Centro comunale di raccolta ed aree ecologiche, citati nell’ordinanza sindacale del 19 giugno 2018 come alternativa di conferimento per l’utenza, ancora non realizzati e la cui mancanza continua a creare notevoli disagi in quanto gli utenti che producono quantità abbondanti di rifiuti hanno evidenti difficoltà nel poter effettuare un corretto smaltimento” e informazioni su “raccolta di cartucce e toner con appositi contenitori  forniti e posizionati presso uffici pubblici o rivenditori; raccolta sorgenti luminose in contenitori presso venditori o punti concordati; raccolta farmaci o attrezzature medicamentose e raccolta oli usati attraverso la collocazione di contenitori presso il centro raccolta”.

L’opposizione si chiede poi “come devono conferire i rifiuti i cittadini proprietari di immobili ubicati nelle contrade (ad esempio Contrisa) visto che non risulta siano state date formali indicazioni sul funzionamento del servizio per questa fattispecie e si sono registrati problemi a rischio igienico-sanitario in caso di mancata raccolta con le modalità e tempistiche previste sulla restante parte del paese; come mai ancora non siano state date indicazioni in merito all’uso di compostiere domestiche “offerte” dalla ditta mediante la predisposizione di un regolamento comunale per il compostaggio; come mai, ancorché molto richiesto, non si è proceduto - soprattutto in questa fase di mancanza del Ccr e nel periodo estivo e natalizio e, comunque, nei periodi di maggiori esigenze - ad incrementare la raccolta dell’organico arrecando in tal modo grave nocumento principalmente alle attività commerciali (ristoranti, pizzerie, ecc.)”.

Il gruppo rinnova “l’invito a un maggiore coinvolgimento della cittadinanza, al fine di sviluppare una sempre maggiore consapevolezza dell’importanza di questo processo di separazione dei  materiali destinati ai bidoni dei rifiuti,  il cui obiettivo è ridurre la quantità di rifiuto secco indifferenziato da conferire in discarica, attraverso le giornate ecologiche, il piano prevenzione  rifiuti ed i progetti proposti nel piano di comunicazione”, I quattro chiedono, inoltre, “di essere messi a conoscenza del costo complessivo del servizio di raccolta e conferimento a discarica e quant’altro di pertinenza della Tari, al fine di poter addivenire nei termini di legge alla proposta di una riduzione della tariffa come giusto riconoscimento per i cittadini ‘virtuosi’ che hanno contribuito al raggiungimento di elevate percentuali di raccolta differenziata”. I destinatari della nota sono stati invitati, ciascuno per le proprie competenze, a rispondere in forma scritta ed a relazionare in particolare sul al mancato avvio di alcuni servizi previsti nel contratto e/o aggiuntivi e se siano state sollevate delle contestazioni all’impresa.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.