Lunedì 19 Agosto 2019
Il Comune avvia le procedure, la minoranza chiede che torni a funzionare


Roccalumera, cercasi gestore per il centro sportivo: "Perso un anno, regna il degrado"

di Redazione | 04/06/2019 | POLITICA

409 Lettori unici

Il centro sportivo di via Collegio

Avviate dal Comune di Roccalumera le procedure per dare in gestione a privati l’impianto sportivo polivalente, che si punta ad affidare per un periodo di due anni per l’importo a base d’asta di 10mila euro annui da versare nelle casse dell’Ente. Lo scorso febbraio la Giunta del sindaco Gaetano Argiroffi ha dato mandato agli Uffici di procedere e adesso è stata pubblicata la determina a contrarre per trovare un affidatario. Sulla questione il gruppo consiliare di minoranza “Insieme per il futuro” è intervenuto con una nota evidenziando innanzitutto come l’Amministrazione si sia mossa solo dopo un anno dalla conclusione della precedente gestione: “Perché è trascorso dopo così tanto tempo dall’ennesima interrogazione della minoranza del 9 luglio 2018 sulla fruizione del centro sportivo polivalente? Nonostante l’impegno assunto dal sindaco e dall’assessore Elio Cisca durante la discussione nel Consiglio comunale del 21 agosto scorso, infatti, sono passati ben nove mesi: evidentemente hanno scelto di dare priorità ad altro” – esordiscono i consiglieri Rita Corrini, Ivan Cremente, Tiziana Maggio e Antonio Scarci. Poi il gruppo di opposizione scrive come sia “risaputo, purtroppo, che l’attuale Amministrazione, in questi anni, non ha assicurato un efficace e continuo funzionamento del centro sportivo né tantomeno ha garantito una manutenzione ordinaria e/o straordinaria, nonostante tale struttura sia riconosciuta come di fondamentale importanza per la funzione sportiva, sociale e ricreativa che riveste nel comprensorio” e che “nell’ultimo periodo l’Amministrazione, più volte incalzata dalla minoranza, ha cercato di ovviare con la gestione diretta in attesa di una nuova gara: buone le intenzioni ma molto scarsi i risultati”.

Corrini, Cremente, Maggio e Scarci sottolineano come “fin dall’inizio si è generata parecchia confusione in quanto, in merito alla fruizione degli impianti sportivi, non sono risultate chiare le modalità di prenotazione e di conduzione in generale e non sono stati offerti servizi adeguati alle tariffe richieste: molte limitazioni orarie e pochi servizi a corredo (casacche, docce, ecc.) e ancora una volta l’Amministrazione non solo non è stata in grado di garantire il funzionamento continuo del centro sportivo ma ha perso quasi un anno di tempo per avviare l’iter per un nuovo affidamento causando, tra l’altro, un mancato introito nelle casse comunali, per non parlare poi delle condizioni precarie in cui versa in generale tutto il centro sportivo per scarsa manutenzione e pulizia, salvo attenzionare il tutto in occasione di qualche manifestazione”. “La minoranza, consapevole che bisogna sostenere le opportunità che derivano da una struttura sportiva così importante per il territorio, assicurandone una regolare ed efficiente conduzione – conclude la nota di “Insieme per il futuro” – auspica che l’affidamento si risolva positivamente al più presto per offrire a sportivi e cittadini i servizi che meritano e, al contempo, che siano attivati e programmati i necessari interventi di manutenzione ordinaria e/o straordinaria. Sarebbe auspicabile, infine, che il sindaco e l’assessore allo Sport intraprendano ogni utile iniziativa per il ripristino del palatenda perché  da troppi anni versa in condizioni di abbandono ma, soprattutto, perché la comunità viene privata di un valido strumento per la crescita sportiva e socio-culturale”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.