Venerdì 24 Maggio 2019
Saitta, esperto del sindaco, ribatte alle accuse sul mancato riconoscimento


Roccalumera e la Bandiera blu: "Minoranza frustrata, colpa di chi c'era prima di noi"

08/05/2019 | POLITICA

359 Lettori unici

Carmelo Saitta, esperto del sindaco Gaetano Argiroffi

“La minoranza immemore di sé e frustrata dall’esito elettorale fustiga la Giunta Argiroffi, ma non ha alcun sostegno nella comunità”. Replica così l’esperto del sindaco di Roccalumera, Gaetano Argiroffi, a quanto affermato dai consiglieri comunali di opposizione sulla mancata assegnazione della Bandiera blu. “Corrini e compagni colgono l’occasione per stigmatizzare in maniera negativa l’operato della Giunta Argroffi, ora, senza voler fare dietrologia e polemiche sul passato e rivangare quanto è successo prima che Argiroffi divenisse sindaco, non si può sottacere il fatto che il presente è sempre conseguenza di quanto occorso prima – esordisce Saitta – in conseguenza, se la Bandiera Blu non è stata ottenuta oggi è perché chi ha governato prima di Argiroffi non ha creato le premesse per ottenere un simile traguardo. Le ricorderanno in molti le estati con le acque reflue che scorrevano sul lungomare. Sicché se colpe sussistono, esse a mio avviso andrebbero ripartite, anziché la minoranza vestire i panni della fanciulla candida ed illibata. Ma al di là delle polemiche in sé, mi preme rimarcare, e lo faccio nella mia veste di esperto del sindaco che ha contribuito alla confezione dei relativi procedimenti amministrativi, che a Roccalumera i reflui fognari sono ormai un lontano ricordo, il depuratore, a cui sono state destinate risorse di bilancio ingenti, funziona a pieno regime, con lo smaltimento di ogni refluo e la perfetta depurazione delle acque”

“Ricordo e farebbe bene a ricordarlo anche l’opposizione politica, alquanto immemore – prosegue l’esperto – che, su 75 comuni censiti in tutta l’Italia, solo in tre, fra cui Roccalumera, il campione delle acque depurate è risultato in regola con i parametri della Comunità Europea. Al punto da scongiurare una procedura di infrazione per danno erariale avviata negli altri Enti Locali, a causa dell’inquinamento delle acque marine e dell’insufficiente depurazione dei reflui fognari. Roccalumera non ha ottenuto la Bandiera blu, ma ha conseguito un attestato di Comune modello nella depurazione delle acque nere, che è il miglior biglietto da visita per tutti coloro che si apprestano a venire a soggiornare nel nostro paese nell’incipiente stagione estiva, e a godersi le meraviglie del nostro mare pulito e cristallino. Corrini & company – conclude Carmelo Saitta – raccontano una altra storia, ma questo non dipende dalla gestione Argiroffi, né dalla Bandiera blu non conseguita, ma da scorie elettorali ancora negli stessi persistenti, difficili da smaltire”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.