Martedì 22 Ottobre 2019
Mozione della minoranza al sindaco per monitorare scuole, municipio e altre strutture


Roccalumera, “Verificare la sicurezza sismica degli edifici pubblici”

di Redazione | 11/09/2016 | POLITICA

1340 Lettori unici

Il plesso di Roccalumera Centro

Il recente terremoto che ha colpito il Centro Italia ha riportato l’attenzione in tutta la Penisola sulla sicurezza sismica degli edifici pubblici e privati. Il tema è stato ripreso anche dal gruppo consiliare di minoranza di Roccalumera, che ha presentato una mozione, da discutere con urgenza in Consiglio comunale,  che impegna il sindaco Gaetano Argiroffi ad avviare una serie di controlli sulla stabilità degli edifici di proprietà comunale e, in relazione ai risultati ottenuti, ad adottare eventuali provvedimenti. “Abbiamo chiesto di attivare, in via prioritaria, la verifica sismica degli edifici scolastici e in particolare del plesso scolastico Roccalumera Centro – spiegano i consiglieri  Rita Corrini, Giuseppe Melita, Maria grazia Saccà, Antonella Totaro e Ada Maccarrone – mediante saggi, carotaggi e ogni altra verifica che si renderà necessaria, avviando, eventualmente, le procedure necessarie per essere inseriti nel redigendo Piano nazionale di sicurezza sismica degli edifici scolastici annunciato dal governo. Abbiamo chiesto, inoltre, di provvedere, sempre in via di urgenza, alla verifica sismica della ciminiera della Filanda, perché costruita in muratura ed in epoca remota. La mozione – sottolinea l’opposizione roccalumerese – ha l’unico scopo di affrontare la problematica della sicurezza sismica degli edifici pubblici in via preventiva e programmata. Il recente e disastroso terremoto ha causato la perdita di un numero insopportabilmente alto di vite umane oltre che provocare danni ingentissimi al patrimonio edilizio, pubblico e privato e il nostro territorio, purtroppo, ricade in una zona ad alto rischio sismico (Prima categoria) e, pertanto, le nuove costruzioni devono essere realizzate nel rispetto di una normativa molto esigente e che dà dei margini elevati di resistenza degli edifici e delle infrastrutture che ne rispettano i dettami”.

Il gruppo di minoranza fa notare come molti edifici pubblici siano stati realizzati in epoca antecedente all’attuale classificazione e normativa simica nel rispetto della norme allora vigenti (Zona sismica di Seconda categoria): “É chiaro, perciò, che si rende necessario procedere alla valutazione della sicurezza sismica di tali edifici alla luce dell’attuale classificazione – sottolineano – anche perchè rivestono particolare importanza o per fini di protezione civile o per la loro destinazione d’uso. L’Amministrazione ha già provveduto alla verifica dei solai di alcuni edifici scolastici ma, fra gli edifici comunali, ce ne sono alcuni che devono essere particolarmente attenzionati nel loro insieme perché costruiti tanti anni addietro con una normativa meno stringente di quella attuale, realizzati con struttura portante in muratura ordinaria e non in cemento armato e, in qualche caso (municipio, Scuola primaria Roccalumera Centro) oggetto di sopraelevazione. Siamo certi che l’Amministrazione – concludono Corrini, Melita, Saccà, Totaro e Maccarrone – di fronte ad una problematica così sentita, intraprenderà tempestivamente le giuste azioni a garanzia della pubblica e privata incolumità”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.