Mercoledì 13 Novembre 2019
Votato all'unanimità un emendamento della maggioranza. Lievi modifiche al bilancio


S. Teresa. Due rate delle Tares si pagheranno nel 2014

di Andrea Rifatto | 01/10/2013 | POLITICA

1627 Lettori unici

La seduta del Consiglio comunale

Slitta al 2014 il pagamento di due delle quattro rate della Tares 2013: il Consiglio comunale infatti ha deliberato nella seduta di ieri pomeriggio (assenti i consiglieri Carmelina Rigano e Sebastiano Pinto) una modifica al regolamento sulla tassa rifiuti e servizi, stabilendo che l’imposta si potrà versare in quattro rate: novembre e dicembre 2013, febbraio e maggio 2014. La mozione per la modifica del regolamento Tares era stata presentata dal gruppo “Città Libera”, che aveva proposto al Consiglio comunale di dare la possibilità ai cittadini di poter versare gli acconti nei mesi di ottobre 2013, dicembre 2013, febbraio 2014 e aprile 2014, così da alleviare i contribuenti da un eccessivo onere fiscale concentrato in un periodo temporale assai ristretto. Il gruppo “Sicilia Vera-Libera S. Teresa” ha recepito la proposta della minoranza presentando un emendamento, votato all’unanimità dal Civico consesso, che allunga ulteriormente i tempi di scadenza delle rate fino a maggio 2014. Maggiore respiro dunque per le famiglie santateresine, che avranno così sei mesi di tempo su cui dilazionare i pagamenti dell’imposta, la cui scadenza inizialmente era stata prevista per dicembre 2013. Lievi correttivi sono stati poi apportati al bilancio comunale, nell’ambito della verifica dello “Stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri di bilancio dell’esercizio finanziario”: l’incertezza sulla possibilità o meno di incassare dei proventi Imu determinerà minori entrate per 125mila euro, subito coperte con il Fondo di svalutazione crediti; il fondo di riserva è stato integrato con nuove somme, a seguito del prelevamento di 25mila euro, che la giunta comunale ha destinato per gli interventi di pulizia dei pozzetti e delle caditoie per la raccolta delle acque piovane; sono stati inoltre spostati da spese in conto capitale a spese correnti 10mila euro per il funzionamento dell’Agenzia di Sviluppo “Peloritani”. "Sono piccole variazioni – ha spiegato in aula il sindaco Cateno De Luca – che non comportano alcun stravolgimento in corso d’opera del Bilancio". Sulle modifiche allo strumento contabile la minoranza si è astenuta. All’ordine del giorno anche la discussione di due interrogazioni presentate dal gruppo “Città Libera”: sul ripristino delle borse di studio per studenti meritevoli, il sindaco ha risposto annunciando che dal prossimo anno potrebbe esserci novità in tal senso. Sul decoro urbano e sulla gestione in affidamento del servizio affissioni, il primo cittadino ha spiegato di essere contrario all’esternalizzazione del servizio e che i controlli contro l’affissione selvaggia di manifesti sono stati intensificati. La minoranza ha chiesto che vengano al più presto ripulite almeno le pensiline degli autobus, prese di mira ormai con l’affissione selvaggia di manifesti.

Più informazioni: consiglio comunale s. teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.