Sabato 24 Agosto 2019
Consegnata ai cittadini prima che ai consiglieri durante uno scialbo confronto


S. Teresa, il sindaco snobba il Consiglio comunale e porta la relazione in piazza

di Andrea Rifatto | 13/08/2019 | POLITICA

892 Lettori unici

L'incontro in piazza e la copertina della relazione

Al Consiglio comunale ha preferito la piazza. E così quest’anno il sindaco di S. Teresa di Riva, Danilo Lo Giudice, ha deciso di esporre e distribuire la sua relazione annuale prima in una serata pubblica e soltanto dopo in aula. A differenza del 2018, infatti, quando la relazione sullo stato di attuazione del programma e sull'attività svolta, che in base all'articolo 17 della Legge regionale 7/1992 va presentata in forma scritta al Consiglio comunale il quale entro 10 giorni esprime in seduta pubblica le proprie valutazioni, venne prima illustrata nell’assemblea cittadina (6 agosto) e poi in piazza e diffusa alla cittadinanza (13 agosto), quest’anno Lo Giudice ha di fatto snobbato il Consiglio preferendo rivolgersi prima ai cittadini. La relazione annuale (con tanto di foto di famiglia) giungerà infatti in aula solo nella seduta di lunedì prossimo, convocata ieri per le ore 17. Secondo quanto riportato sulla copertina del fascicolo distribuito domenica sera in piazza Marina Militare Italiana la relazione è stata depositata in segreteria venerdì 9 agosto (dunque entro i dieci giorni previsti) ma solo ieri è stata inviata ai consiglieri comunali, o almeno a quelli di minoranza, che l’hanno dunque ricevuta dopo i colleghi di maggioranza, i componenti della Giunta, cittadini e villeggianti, che già domenica sera hanno avuto modo di sfogliarla. Una mancanza di rispetto e una scarsa attenzione per le prerogative del Consiglio comunale, nonostante nelle ultime sedute sia stato ribadito da più parti che è quella la sede dove dibattere delle questioni che riguardano il paese, prima delle piazze siano esse reali o virtuali. Non è chiaro se anche quest’anno la relazione sia stata stampata a spese del Comune, come avvenuto nel 2018, e non del sindaco: al momento non risultano affidamenti di spesa ma lo scorso aprile Lo Giudice, rispondendo a un’interrogazione della consigliera di minoranza Lucia Sansone, aveva comunque ribadito di voler continuare a stampare il documento utilizzando i fondi del bilancio comunale, anche se secondo la normativa non vi è nessun obbligo di stampa e distribuzione, tantomeno a spese della collettività.

In piazza il sindaco e gli assessori hanno discusso per circa due ore sull’operato dell’ultimo anno, toccando alcuni argomenti come la balneabilità del mare, gli spettacoli, la viabilità, le opere pubbliche, ma il confronto, o meglio il comizio, è stato scialbo e monotono, in quanto dal pubblico (un centinaio i presenti con in prima fila i consiglieri comunali di maggioranza) non sono giunte particolari domande, se si escludono due richieste su come smaltire i rifiuti prodotti in spiaggia, di porre maggiore attenzione alla pulizia di un’area periferica lungo il torrente Savoca e su come rendere il lungomare più sicuro per i pedoni. Della relazione si tornerà a parlare lunedì prossimo in Consiglio comunale. Andava fatto prima.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.