Sabato 24 Agosto 2019
Il sindaco di Forza d’Agrò, in pole per la presidenza, prende il posto di Ricciardi


Unione dei Comuni, Fabio Di Cara nominato assessore

di Andrea Rifatto | 05/02/2016 | POLITICA

1663 Lettori unici

Fabio Di Cara, sindaco di Forza d'Agrò

Cambio in corsa nella Giunta dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani. Il presidente Domenico Prestipino ha infatti nominato nei giorni scorsi un nuovo assessore, che prende il posto dell’ex sindaco di Limina Filippo Ricciardi, decaduto per cessazione della carica di primo cittadino in seguito alle elezioni del 31 maggio e 1 giugno 2015. Nell’Esecutivo dell’organismo sovracomunale entra il sindaco di Forza d’Agrò Fabio Di Cara, che ha manifestato la propria disponibilità a svolgere la carica di assessore. La nuova Giunta nominata da Prestipino si è insediata nel dicembre 2014 ed è formata da quattro assessori oltre al presidente: rispetto alla precedente legislatura, infatti, i componenti sono passati da sette a cinque, in base alle modifiche apportate allo Statuto. Ne fanno parte il sindaco di Sant’Alessio Siculo, Rosa Anna Fichera, con deleghe alla Pubblica Istruzione e Formazione professionale, Salute, Famiglia Politiche sociali e Lavoro, Politiche giovanili e Pari Opportunità; il primo cittadino di Furci Siculo, Sebastiano Foti, a cui sono stati affidati Turismo, Sport e Spettacolo, Associazionismo, Patrimonio; il sindaco di Casalvecchio Siculo, Marco Saetti, che ha ricevuto le deleghe ad Attività produttive, Energia e Servizi di Pubblica Utilità, Risorse agricole e alimentari, Beni culturali e Identità locale, Programmazione territoriale e in ultimo il neo assessore Fabio Di Cara, che con molta probabilità avrà le deleghe detenute da Ricciardi, ossia Rapporti con le Istituzioni, Politiche comunitarie e di Concertazione.

La nomina del nuovo assessore da parte del presidente Prestipino arriva a mandato già scaduto: il primo cittadino di Pagliara è stato infatti eletto il 30 ottobre 2014 e a breve dovrà cedere il posto ad un altro collega sindaco, così come previsto dallo Statuto dell’Unione dei Comuni, in base al quale il presidente dura in carica un anno, al termine del quale non è rieleggibile, e la presidenza è assunta a turno dai sindaci degli undici comuni aderenti (S. Teresa è fuoriuscita dal 1 gennaio 2016). Carica che potrebbe andare proprio al neo assessore Fabio Di Cara, il cui nome gira da tempo come successore di Prestipino sulla poltrona più alta dell’Ente comprensoriale.

Per il momento, però, tiene banco la questione relativa al rinnovo delle cariche del Consiglio dell’Unione, dopo le dimissioni del presidente Fabio Orlando e la decadenza d’ufficio, decisa dal segretario Giuseppe Bartorilla, della vicepresidente Melina Scarcella, che ha scatenato la dura reazione di quest’ultima. Il Civico consesso si riunirà lunedì 15 febbraio per procedere all’elezione dei nuovo Ufficio di presidenza ma regna ancora l’incertezza riguardo ai nomi sui quali far convergere le preferenze. Per cercare di trovare un’intesa, i consiglieri dell’Unione Valli Joniche dei Peloritani si ritroveranno venerdì 12 febbraio nell’aula consiliare di Furci Siculo, in modo da arrivare ialla votazione con una candidatura largamente condivisa ed evitare sorprese. Che sicuramente non mancheranno.

Più informazioni: unione dei comuni  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.