Sabato 24 Agosto 2019
Ritirata la mozione posta all'ordine del giorno del Consiglio fissato per lunedì


Unione dei Comuni, il presidente del Consiglio fa dietrofront sul ritorno di S. Teresa

di Redazione | 18/07/2019 | POLITICA

542 Lettori unici

Il presidente del Consiglio Carmelo Saglimbene

Dietrofront del presidente del Consiglio dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani, Carmelo Saglimbene, sull’iniziativa intrapresa per far rientrare il Comune di S. Teresa all’interno dell’Ente sovracomunale tramite la presentazione di una mozione (LEGGI QUI) con la quale si invitava il Consiglio comunale santateresino ad attivare le procedure necessarie al rientro. L’atto era stato posto all’ordine del giorno della seduta del Consiglio dell’Unione che si terrà lunedì 22 a Savoca ma è stato adesso cancellato. “Constatato che i consiglieri di minoranza di S. Teresa, così come poi fatto successivamente dai consiglieri di minoranza di Nizza, hanno presentato una mozione per il rientro dei rispettivi Enti in seno all’Unione dei Comuni, si ritiene superflua alla luce di ciò l’iniziativa di questo Ente – scrive il presidente Saglimbene – conseguente l’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani, su proposta del presidente del Consiglio, demanda l’eventuale atto politico di rientro alle singole municipalità che ne dovrebbero fare richiesta con propria deliberazione”. Si è ritenuto opportuno stralciare la proposta posta all’ottavo punto all’ordine de giorno del Consiglio di lunedì. Sull’ampliamento dei Comuni aderenti “questo Ente pertanto si dichiara disponibile – aggiunge il presidente – agli eventuali atti deliberativi delle singole amministrazioni comunali”. La presentazione della mozione da parte di Carmelo Saglimbene non era stata sposata dal presidente dell’Unione dei Comuni, Davide Paratore, che non ritiene sia la strada giusta in quanto il rientro è competenza dei singoli Consigli comunali. E Saglimbene ne ha adesso presto atto. Tra l’altro la presentazione della mozione da parte dei consiglieri di minoranza di S. Teresa Antonio Scarcella e Giuseppe Migliastro risale al 18 giugno, dunque quasi un mese prima di quella di Saglimbene (10 luglio), mentre quella per l’ingresso di Nizza avanzata dalla consigliera indipendente Rosita Naclì è di fine giugno.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.