Martedì 12 Novembre 2019
Al 'Franco Scoglio' arrivano i tre punti al termine di un match ricco di emozioni


Finale al cardiopalma, il Messina batte il Foggia e vede la salvezza

di Carmelo Micalizzi | 13/03/2016 | SPORT

2437 Lettori unici

L'esultanza dei giocatori del Messina al gol di Fornito

Il Messina porta a casa i tre punti al termine della partita più incredibile della stagione, valevole per la 26esima giornata del gruppo C della Lega Pro. Gli uomini di Di Napoli giocano al "Franco Sciglio" un ottimo match contro un Foggia obbligato a vincere per mantenere vive le speranze di promozione diretta in Serie B. I pugliesi devono fare i conti però con un Messina con un atteggiamento totalmente differente da quello dell’ultima uscita, capace di tornare in vantaggio tre volte dopo aver subito il gol del pari, mai domo e diverse volte pericoloso sotto porta. Otto in pagella senza dubbio ad un grandissimo Berardi, capace di salvare la porta in più occasioni con interventi prodigiosi che hanno segnato la partita, chiusasi sul 3 a 2. Salvezza praticamente raggiunta per i giallorossi, che salgono a quota 37 con 11 punti di vantaggio sui playout, quando siamo giunti ad otto giornate dal termine del campionato. Prossimo turno fra sei giorni, ancora in casa, contro un Melfi in lotta serrata con le altre in coda per evitare i playout.

Raffaele Di Napoli schiera la stessa formazione che una settimana fa ha sconfitto a fatica la Lupa Castelli a Rieti: in porta Berardi, in difesa Martinelli e De Vito centrali, quest’ultimo preferito ancora a Burzigotti; sulle fasce Zanini a sinistra e Ionut a destra a supporto dei tre di centrocampo Fornito, Baccolo e Giorgione; in avanti il trio formato da Gustavo, Scardina e Tavares, con il primo leggermente arretrato a supporto delle due prime punte. E’ un primo tempo ricco di emozioni quello che va in scena al “Franco Scoglio”. La prima grande emozione si vive senza dubbio durante il commovente minuto di silenzio in memoria di Rebecca Lazzarini, la quattordicenne investita e uccisa sulla Statale 114 nella notte di martedì: presenti allo stadio anche il fratellino e il padre con al collo una sciarpa giallorossa. La partita inizia su ritmi blandi: il Foggia cerca spazi sulla destra e riesce a mettere due ottimi palloni che la retroguardia peloritana spazza, mentre il Messina si fa vedere soprattutto con le sortite sempre sulla destra di Ionut, che al 10’ imbecca Gustavo che conclude alto dal limite. Poco prima era stato Giorgione al volo a cercare senza fortuna il gol. Passano cinque minuti e proprio Ionut la sblocca: l’esterno romeno, alla sua seconda presenza stagionale, parte dalla destra, trova spazio per accentrarsi e quasi dal vertice destro dell’area di rigore lascia partire un siluro che sbatte sulla traversa e poi oltrepassa la linea per il gol dell’1-0. Attimi di esitazione per il direttore di gara che poi assegna il gol facendo esplodere la gioia dei giallorossi. Al 24’, però, una leggerezza di Martinelli costa cara ai padroni di casa: il difensore peloritano regala un pallone sanguinoso a Iemmello che si presenta davanti a Berardi e lo batte con un diagonale sinistro perfetto. Ristabilita la parità le due squadre ricominciano a giocare proprio come prima delle due reti: il Messina sfiora il gol con Giorgione pescato in area da Fornito, poi è proprio Fornito a impegnare Micale da fuori. Il Foggia è pericoloso con una punizione di Sarno messa in corner da Berardi, ma i biancoscudati non restano a guardare, e ancora con un destro incredibilmente potente di Ionut mettono paura al Foggia. Il primo tempo finisce senza recupero.

I secondi 45 minuti non deludono le aspettative. Gli uomini di Di Napoli partono sicuramente meglio dei satanelli e si fanno vedere per ben due volte nei primi cinque minuti con Fornito da fuori prima e Gustavo di testa poi. E’ il preludio al gol che arriva al 54’: angolo perfetto di Giorgione al centro dell’area che pesca Martinelli tutto solo per lo stacco di testa che non lascia scampo a Micale. Messina di nuovo in vantaggio e Martinelli perdonato per l’errore che aveva causato il pareggio pugliese. Il Foggia non ci sta e al 61’ sfiora il gol con Iemmello che imbeccato da Angelo al limite dell’area piccola colpisce di testa trovando la parata miracolosa di Berardi. I padroni di casa rispondono al 67’ con un’altra limpida occasione da gol per Scardina: l’attaccante raccoglie una palla perfetta di Gustavo e da una manciata di metri vede respingersi la conclusione a botta sicura da Micale in uscita che tiene a galla i rossoneri ospiti. Quattro minuti dopo brividi ancora per il Messina quando Arcidiacono raccoglie una torre di Iemmello e da due passi non riesce a mettere dentro il pallone per l’ennesimo intervento prodigioso di Alessandro Berardi, oggi tra i migliori. Ancora un errore nel disimpegno del Messina regala palla al Foggia che con Sarno sfiora il gol al minuto 86’. I giallorossi si coprono con l’ingresso di Mileto e Giuseppe Russo, ma sono costretti a subire gli attacchi dei pugliesi alla ricerca del pari, che arriva al 92’ quando Angelo mette in mezzo un buon pallone per Iemmello che fa ancora la torre per Arcidiacono che stavolta di testa insacca. Quando tutto sembra finito il Messina trova però la rete del nuovo vantaggio con Fornito che pescato da un cambio di gioco di Giorgione mette in rete il rasoterra della vittoria. Non serve l’ultimo tentativo di Iemmello respinto in corner da Berardi al 94’: il Messina porta a casa i tre punti al termine di un match incredibile giocato al cardiopalma fino al triplice fischio. 

 

TABELLINO

MESSINA – FOGGIA 3-2

Reti: 15’ Ionut (M), 24’ Iemmello (F), 54’ Martinelli (M), 92’ Arcidiacono (F), 93’ Fornito (M)


MESSINA (4-3-3)
: Berardi, Ionut (85’ Mileto), Zanini, Baccolo, Martinelli, De Vito, Fornito, Giorgione, Tavares, Gustavo (78’ Barilaro), Scardina (87’ Giuseppe Russo). A disposizione: Addario, Burzigotti, Genny Russo, Biondo, Masocco, Lia. All.: Raffaele Di Napoli

FOGGIA (4-3-3): Micale, Angelo, Di Chiara, Agnelli, Loiacono, Gigliotti, Gerbo, Quinto (56’ Arcidiacono), Iemmello, Sarno, Chiricò (72’ Floriano). A disposizione: De Gennaro, Agostinone, Riverola, Coletti, Sainz-Maza, Lauriola. All.: Roberto De Zerbi

Arbitro: Andrea Morreale di Roma 1

Ammoniti: Fornito (M), Gerbo (F)

Recupero: 0’ pt, 5' st

Più informazioni: acr messina lega pro 15-16  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.