Venerdì 15 Novembre 2019
L'atleta di S. Teresa di Riva ha chiuso al nono posto, riportando una lesione al gomito


Judo, sfuma il podio per Elios Manzi alle Olimpiadi giovanili in Cina

di Andrea Rifatto | 17/08/2014 | SPORT

1744 Lettori unici

Elios Manzi: non arriva la medaglia nella categoria 66 kg

Non è riuscito a salire sul podio alle Olimpiadi giovanili di Nanjing, in Cina, il judoka Elios Manzi di S. Teresa di Riva. L’atleta della palestra Airon Judo di Furci Siculo, seguito dal maestro Corrado Bongiorno, rappresentava l’Italia insieme a Chiara Carminucci, dopo aver ottenuto il pass ai Mondiali cadetti ed essere stato selezionato dal Coni. Il diciottenne, impegnato nella categoria 66 kg nella prima giornata di gare, aveva iniziato andando a vincere sull’algerino Salim Rebahi; il venezuelano Luis González gli ha però inflitto lo stop al turno successivo, con un waza-ari che lo ha spedito al tabellone dei ripescaggi, dove Manzi ha sconfitto il britannico Peter Miles, e, con un ippon dopo 1’21″ di combattimento, il francese Jolan Florimont. La sconfitta definitiva è però arrivata contro il cinese Wu Zhiqiang, vicecampione asiatico della categoria cadetti, ancora per waza-ari. Al termine delle cinque gare disputate nella giornata dedicata ai pesi leggeri, Manzi ha chiuso in nona posizione in classifica, insieme ad Adonis Diaz (Stati Uniti), Luis Gonzales (Venezuela) e al bielorusso Dzmitry Minkou. Sui risultati ha certamente inciso la differenza fisica con gli avversari, considerando che il judoka italiano si è qualficato per le Olimpiadi giovanili nella categoria 55 kg, e solo da quest'anno ha iniziato a gareggiare nella 60 kg, che però non era prevista dal regolamento della manifestazione cinese. Sul gradino più alto del podio, confermando i pronostici della vigilia, è salito poi il giapponese Hifumi Abe, campione asiatico ed argento mondiale fra i cadetti, che ha conquistato tutti gli incontri per ippon, inclusa la finale che lo ha visto opposto all’ucraino Bogdan Iadov. Al terzo posto il cinese Wu e l’uzbeko Sukhrob Tursunov.  Le Olimpiadi giovanili in corso in Cina riserveranno al judo nove medaglie d’oro: otto individuali (quattro maschili e quattro femminili) ed una per la prova a squadre mista.
"Sono contento della mia prestazione - ha dichiarato Manzi ai nostri microfoni - perchè so che avrei potuto conquistare una medaglia. Purtroppo nel secondo ripescaggio il francese Florimont ha fatto un attacco scorretto e mi sono lesionato il legamento collaterale ulnare del gomito. Ciò mi ha impedito di dare il massimo nella gara con il Wu. Sono comunque felice - ha proseguito - perchè gareggiavo in una categoria di peso non mia e ho dato del filo da torcere agli avversari con i quali ho combattuto, tutti più 'grossi' di me".
Elios Manzi, già vicecampione mondiale di judo nella categoria 55 kg al IJF World Cadet Championships (Mondiale Cadetti) tenutosi lo scorso anno a Miami, vanta nel suo palmares il titolo di Campione Italiano e Campione Europeo nella categoria 55 kg ai campionati europei cadetti, due medaglie d’Oro in Coppa Europa (Zagabria e Coimbra) e si è laureato campione italiano juniores nella categoria 60 kg maschile.

Più informazioni: judo  elios manzi  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.