Sabato 24 Agosto 2019
A Melfi vittoria per 2-0 con una rete per tempo. Domenica al San Filippo l'attesa sfida


Lega Pro. Il Messina torna in vetta e si prepara al derby col Catania

di Carmelo Micalizzi | 07/11/2015 | SPORT

1332 Lettori unici

Nella decima giornata del girone C della Lega Pro il Messina supera senza problemi il Melfi con un 2-0 sul campo dei lucani. La formazione di mister Di Napoli si giocava la vetta, seppur temporaneamente, visto il pari del Foggia in terra ischitana e l’attesa ai box della Casertana, adesso a -1 rispetto ai peloritani, che sarà impegnata nella gara casalinga con il fanalino di coda Martina fra circa ventiquattro ore. Nella trasferta in Basilicata pochissime emozioni, praticamente nessuna se si escludono le due reti messe a segno da Barraco e Cocuzza. Totalmente assente il Melfi e troppo ordinato il Messina che non concede nulla, e si dimostra cinico, portando a casa tre punti preziosissimi punti, in attesa del derby con il Catania che andrà in scena domenica prossima alle 14,30 al San Filippo e per cui è atteso il pubblico delle grandi occasioni.

Arturo Di Napoli schiera il solito 4-3-3 con Berardi in porta, Parisi e Martinelli centrali, Palumbo a destra e De Vito a sinistra; centrocampo con Baccolo, Giorgione e Fornito a supporto di Cocuzza affiancato in attacco da Barraco e Salvemini. Out Tavares e Gustavo che rimarranno lontani dal rettangolo verde per almeno 20 giorni a testa, mentre rientra dopo il lungo stop Padulano, che si accomoda in panchina. È uno dei primi tempi più noiosi della stagione finora quello che va in scena a Melfi: pochissime occasioni, le più importanti a stampo peloritano e ritmi bassi che si alzano, seppur di poco, solo nel finale di tempo. Eppure il primo tiro verso la porta era stato dei lucani e aveva fruttato un corner per la deviazione di Palumbo dopo appena sessanta secondi. Il Messina fa passare ancora quattro minuti e poi riesce a pungere: controllo sul filo di fondo di Cocuzza, pallone arretrato su cui si avventa Barraco che con un destro radente batte Santurro per il gol dell’1-0, secondo stagionale dopo quello su calcio di rigore siglato ad Andria. Gli ospiti amministrano e vanno a un passo dal raddoppio al 14’ quando Fornito mette un ottimo pallone in mezzo su cui arriva in ritardo Giorgione, che in spaccata a porta sguarnita non trova lo specchio. Poco o niente per i gialloverdi, oggi in divisa nera, che non impensieriscono minimamente la difesa peloritana. Ma la partita si riaccende nel finale: e se il Melfi è non pervenuto, ci pensa Berardi a far venire i brividi ai suoi al 35’, quando si lascia scappare il pallone facile facile di mano ritrovandolo poco dopo. Due minuti dopo ancora Fornito che dopo una gran finta mette il pallone del 2-0 a Barraco che manca il gol da posizione pressoché uguale a quella da cui aveva sbloccato il risultato. Si va negli spogliatoi dopo cinque, eccessivi, minuti di recupero.

La seconda frazione sembra voler proseguire sulla falsariga della prima. il Messina è attento e non concede praticamente nulla agli avversari, senza comunque mostrarsi particolarmente deciso nella ricerca del raddoppio. Niente da segnalare per praticamente mezz’ora, se non un colpo di testa su punizione di Fornito alto in avvio di tempo e una girata di Cocuzza debole e centrale al 67’. Proprio quando sta scattando la mezz’ora di gioco il Messina raddoppia: Salvemini serve Cocuzza che ai venti metri triangola con Fornito e poi conclude con un destro che rimbalza davanti a Santurro la cui papera vale il due a zero ospite. Non succede praticamente più nulla, se non un colpo di testa di Lescano che all’87’ prova ad accorciare le distanze. Dopo quattro minuti di recupero il fischio finale, è 0-2 per il Messina. Festeggia il gruppo messinese giunto anche a Melfi per seguire la formazione del patron Stracuzzi nella trasferta che precede l’atteso derby casalingo con il Catania. 

TABELLINO

MELFI – MESSINA 0 –2
Reti: 5’ Barraco, 75’ Cocuzza

MELFI (4-4-1-1): Santurro, Annoni, Nicolao (21’ Amelio), Giacomarro, Colella (76’ Veratti), Di Nunzio, Canotto, Finazzi (69' Maimone), Lescano, Herrera, Demontis. A disposizione: Gagliardini, Scognamiglio, Prezioso, Longo, Innocenti, Madia, Masia, Zanotti. Allenatore: Giuseppe Palumbo

MESSINA (4-3-3): Berardi, Palumbo (46’ Frabotta), De Vito, Baccolo (41’ Bramati), Martinelli, Parisi, Fornito, Giorgione, Cocuzza, Barraco, Salvemini (79’ Padulano). A disposizione: Addario, Zanini, Russo, Biondo, Barilaro, Burzigotti, Fusca. Allenatore: Arturo Di Napoli

Arbitro: Carmine di Ruberto di Nocera Inferiore 

Ammoniti: Amelio (MF), Palumbo, Salvemini (M)

Recupero: 5’ pt, 4’ st 

Più informazioni: acr messina lega pro 15-16  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.