Martedì 10 Dicembre 2019
Ecco i numeri del referendum del 1946


Quando la riviera jonica voleva la Monarchia

di Salvatore Coglitore | 03/06/2013 | STORIA

8115 Lettori unici | Commenti 2

La scheda referendaria

Il 2 giugno 1946 nasce la Repubblica Italiana. Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, l’Italia volta pagina. Il referendum istituzionale, indetto per stabilire la forma dello Stato, vede la vittoria dei repubblicani con il 54,3% dei voti contro il 47,7% dei monarchici. Votano complessivamente circa 25 milioni di cittadini, pari all'89% degli elettori. Per la prima volta in Italia votano anche le donne di almeno 21 anni di età. Il passaggio dalla Monarchia alla Repubblica avviene in un clima di tensione tra polemiche sulla regolarità del referendum e accuse di brogli. In Sicilia vince la Monarchia con 1.303.560 mila voti contro 709.735 voti a favore della Repubblica.

Solo Limina e Mandanici votarono per la Repubblica

Ecco come votarono gli elettori della riviera jonica messinese (il primo dato si riferisce ai voti a favore della Repubblica, il secondo a favore della Monarchia): Messina (13.446-78.343); Alì Marina (538-1.580); Antillo (314-598); Casalvecchio Siculo (482-891); Fiumedinisi (444-1.024); Forza d’Agrò (253-1.179); Furci Siculo (428-1.480); Giardini (776-2.099); Letojanni Gallodoro (188-1.565); Limina (763-544); Mandanici (451-353); Mongiuffi Melia (145-1.153); Pagliara (456-812); Roccalumera (1.375-2.652); Santa Teresa di Riva (701-3.738); Scaletta Zanclea (181-2.815); Taormina (856-3.308). Si chiarisce che alcuni comuni sono assenti poiché nel periodo fascista erano stati accorpati (ad esempio, Nizza con Roccalumera, Savoca con S. Teresa, mentre S. Alessio era ancora frazione di Forza d'Agrò, etc.). Una curiosità, gli unici Comuni della riviera che votarono a favore della Repubblica furono Limina e Mandanici.

Quando il Re passò da S. Teresa

Ecco un episodio strettamente collegato con il passaggio monarchia-repubblica. Nel maggio del 1946, dalla via Regina Margherita e Francesco Crispi, a S. Teresa di Riva, transitò il re Umberto II, che da Messina si recava a Catania, prima del referendum istituzionale e, a bordo della sua automobile decappottabile, accompagnato dalla polizia, venne accolto in modo festoso dai santateresini. Accalcati ai bordi della strada gridavano: “Viva il Re!” ed egli, in uniforme militare, salutava facendo un cenno con la mano. Il corteo venne fermato a Barracca, di fronte la chiesa di Portosalvo, da un ragazzino, tale Sebastiano Salimbeni, che offrì un mazzo di fiori al re, il quale lo ringraziò e disse profeticamente: “Questa è l’ultima volta che saluti un Re d’Italia!”. 

Più informazioni: 2 giugno  salvatore coglitore  storia  


COMMENTI

David Trimarchi | il 03/06/2013 alle 21:53:13

Non c'è da stupirsi il voto verso la monarchia era il naturale sbocco di società agricole profondamente conservatrici e attaccate agli usi che gli avevano consentito di superare gli anni neri delle guerre e delle crisi. D' altronde ancora oggi si discute sulle circostanze che portarono al l'affermazione della Repubblica , pare che ci siano stati dei brogli da parte dell'allora ministro dell'interno un tale Romita.

Pippo Sturiale | il 04/06/2013 alle 07:12:15

Eppure mio padre mi diceva che tanti "disinteressatamente" consigliavano: "Non vuliti 'u re, tagghiaticci a testa". E così lo hanno votato! Certo che, a parer mio, in Italia oggi ci mancherebbe pure un re da mantenere!! ... per non parlare di chi ha anche ucciso e ...

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.