Sabato 14 Dicembre 2019
La giunta e il gruppo di maggioranza di Forza d'Agrò esprimono vicinanza


Aggressione a Bruno Miliadò: "Solidarietà al sindaco e sdegno per l'accaduto, basta odio"

di Redazione | 28/11/2019 | ATTUALITÀ

1227 Lettori unici

Miliadò con assessori e consiglieri di maggioranza

Attestati di solidarietà da più parti al sindaco di Forza d’Agrò, Bruno Miliadò, dopo l’aggressione di cui è stato vittima martedì sera (QUI L'ARTICOLO) Questa mattina il presidente del Consiglio Piero Bartolone, i consiglieri comunali di maggioranza e la Giunta di Forza d’Agrò hanno diramato una nota in cui “esprimono piena solidarietà al sindaco Bruno Miliadò per i gravi fatti di violenza subiti nell’esercizio delle sue funzioni ed esprimono sdegno e rammarico per i gravissimi fatti di violenza che macchiano nell’onore tutta la comunità di Forza d’Agrò, facendo scrivere una pagina buia e triste nella storia della cittadina forzese che si è sempre contraddistinta per il gran senso di accoglienza e solidarietà, dove da anni convivono tradizioni culturali diverse nel reciproco rispetto e tolleranza. La violenza, di qualunque natura essa sia – scrivono gli assessori e i componenti del gruppo ‘Insieme’ – non va mai tollerata e giustificata, ma al contrario combattuta e biasimata, per questo la compagine di maggioranza condanna fortemente tali atteggiamenti non consoni ad una comunità civile fatta di uomini e donne per bene, e auspica al più presto un ritorno al buon senso, al rispetto delle regole, al dialogo sano e costruttivo, per la crescita di Forza d’Agrò, offuscati negli ultimi mesi da odi, rancori e pregiudizi, che ricadono tristemente su tutta la comunità”. Miliadò ha ricevuto in mattinata diverse telefonate da colleghi sindaci della riviera jonica e da cittadini che gli hanno espresso vicinanza e solidarietà per quanto accaduto. In merito alla vicenda dell'estromissione del figlio della consigliera di minoranza Giulietta Verzino dal Servizio civile, il sindaco fa sapere che sono in corso interlocuzioni con la Presidenza del Consiglio dei Ministri a seguito delle controdeduzioni presentate dal volontario alle contestazioni mosse dal Dipartimento per le Politiche giovanili che hanno portato alla sua esclusione dal progetto.

Più informazioni: aggressione miliadò  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.