Giovedì 12 Dicembre 2019
Intervento coatto dopo l'inosservanza delle ordinanze, contestate dai titolari


Savoca, Comune pulisce con la forza terreno incolto: tensione con i proprietari - FOTO

di Andrea Rifatto | 12/08/2019 | ATTUALITÀ

2385 Lettori unici

Il confronto tra i proprietari e le autorità

Mattinata di tensioni oggi a Savoca per un intervento disposto dal Comune al fine di ripulire e mettere in sicurezza un terreno incolto e in precarie condizioni igienico-sanitarie, dove vi era un elevato rischio incendio così come abbiamo segnalato il 4 agosto (LEGGI QUI). L’azione coatta, effettuata in un fondo invaso da rovi, arbusti e sterpaglie ai margini della Sp 17 tra le frazioni San Francesco di Paola e Mortilla, è stata disposta dopo l’inottemperanza dei proprietari alle ordinanze sindacali per la prevenzione incendi e la pulizia dei fondi incolti emesse dal Comune sin da maggio, seguite da diffide e dall’ultima ordinanza, firmata dal sindaco il 5 agosto, con la quale era stato fatto presente che in caso di mancata messa in sicurezza del terreno l’Ente avrebbe proceduto con l’esecuzione in danno al proprietario degli interventi di pulitura. E così è stato. Alle 8 è giunta sul posto l’impresa incaricata venerdì scorso dal Comune, la Effe Costruzioni di S. Teresa, ma i proprietari, il dott. Elio Signorello di Catania accompagnato dalla moglie e dal figlio, si sono rifiutati di aprire il cancello del terreno per far entrare il mezzo meccanico munito di trinciatrice. E così dopo due ore di discussioni l’impresa ha reciso la recinzione e ha fatto accesso al fondo iniziando i lavori, con il taglio della vegetazione lungo una fascia perimetrale di circa 5 metri per eliminare il rischio incendio.

Sul posto erano presenti il sindaco Nino Bartolotta, il vicesindaco Giuseppe Trimarchi, il presidente del Consiglio comunale Massimo Stracuzzi e il capogruppo di maggioranza Sergio Trimarchi, la Polizia municipale, i Carabinieri, il Corpo Forestale e la Protezione civile, che hanno discusso a lungo, anche in maniera accesa, con i proprietari per convincerli a lasciare eseguire l’ordinanza, ma senza riuscirci. La famiglia Signorello ha contestato il provvedimento sostenendo di aver già iniziato un intervento di pulizia, giudicato però non sufficiente dal Comune, e che ad infestare il terreno sia stata la vegetazione partita ai margini della Sp 17, per via della cattiva manutenzione della strada che a loro dire è stata anche la causa dell’incendio dell’estate 2018 innescato da una cicca di sigaretta lanciata da un’auto. Inoltre hanno lamentato la mancata manutenzione di un canale di scolo delle acque (secondo i Signorello sarebbe pubblico, per il Comune invece no) che attraversa il loro terreno, second La ditta è andata comunque avanti con gli interventi fino al pomeriggio e proseguirà nei prossimi giorni, con il sollievo dei residenti della zona che temevano per la sicurezza delle loro abitazioni.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.